COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO: PIÙ EFFICIENZA E MENO COSTI

L’efficienza energetica costituisce un elemento determinante nelle politiche industriali moderne, che devono confrontarsi con mercati altamente competitivi e che richiedono l’ottimizzazione di ogni specifica voce di spesa.

Questo ruolo strategico della cogenerazione è riconosciuto anche a livello istituzionale. In base ai dati diffusi dall’ Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA), attraverso il processo della cogenerazione si possono infatti ottenere risparmi energetici fino al 30%. Questo importante risultato è determinato dal fatto che in un impianto per la sola produzione di energia elettrica, il 50-60% della stessa si disperde nell’ambiente, mentre in un impianto cogenerativo ad alto rendimento, la dispersione è intorno al 15%: l’energia introdotta con il combustibile (ad esempio il metano) viene sfruttata all’85% in modo utile.

Dunque si ottiene un incremento dell’efficienza energetica, un risparmio per l’approvvigionamento del combustibile e, al tempo stesso, una riduzione di emissioni di agenti inquinanti e di gas ad effetto serra.

Ecco perché il Parlamento europeo promuove la cogenerazione come soluzione tra quelle indicate per soddisfare il raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. In particolare, la direttiva 2004/8/CE è interamente dedicata alla promozione della cogenerazione, introducendo il concetto di Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR), ovvero la produzione di unità di energia elettrica e calore che garantisce un significativo risparmio di energia primaria rispetto agli impianti separati. La norma è stata recepita anche dall’Italia grazie al Decreto Legislativo 20 del 2007.

Gli impianti di cogenerazione ad alto rendimento permettono di ottenere risultati di efficienza energetica di assoluto rilievo, con il vantaggio di poter gestire la produzione di energia elettrica e termica in modo continuativo, affidabile e sicuro. In molti casi la cogenerazione ad alto rendimento rappresenta un vero e proprio volano per la crescita, un’opportunità per diversi settori dell’industria manifatturiera nello scenario competitivo della globalizzazione.

La cogenerazione è quindi la scelta più indicata per ottenere in tempi ragionevoli i vantaggi nella riduzione della bolletta energetica, in quanto si utilizza in modo più efficace il combustibile, contenendo anche le emissioni di CO2.

“Efficienza energetica: una voce strategica nelle politiche industriali, per crescere in mercati sempre più competitivi.”

Il progetto COD2 per l’Italia

Le peculiarità dell’efficienza energetica.