UN PROBLEMA PER L’AMBIENTE TRASFORMATO IN OPPORTUNITÀ

Il “gas di petrolio associato” o “APG” rappresenta un problema durante le estrazioni petrolifere e anche per l’ambiente, perché fuoriuscendo in pressione, può saturare l’area estrattiva.
Per eliminarlo spesso viene bruciato in torcia, ma può anche diventare una grande opportunità se controllato e gestito, in particolare sfruttandolo per l’alimentazione di impianti cogenerativi e la conseguente produzione di energia elettrica e termica.
L’energia elettrica prodotta con la cogenerazione può essere utilizzata per le esigenze del sito estrattivo o ceduta in rete.
L’energia termica può essere usata per una prima separazione del petrolio in sito e per mantenerlo fluido agevolando le operazioni di pompaggio.

PRODUZIONE DI ENERGIA

  • Elettricità da cedere alla rete o per le esigenze del sito estrattivo
  • Acqua calda per le esigenze del sito estrattivo (separazione del petrolio e per mantenerlo fluido agevolando le operazioni di pompaggio).

REFERENZE

Petrom