PRODURRE ENERGIA UTILIZZANDO GLI SCARTI DELLE FILIERE

Gli impianti cogenerativi possono essere alimentati da biogas prodotto dalla digestione anaerobica degli scarti agro-industriali, che si trasforma in sorgente di combustibile e, grazie alla cogenerazione, di energia rinnovabile.

Tipici sottoprodotti e scarti agro-industriali sono ad esempio il siero di latte, contenente proteine e zuccheri dall’industria casearia, i reflui liquidi dall’industria che processa succhi di frutta o che distilla alcool e ancora gli scarti organici liquidi e/o semisolidi dell’industria della carne.

Il biogas convogliato in un impianto di cogenerazione da scarti agro-industriali permette la produzione di elettricità e calore, sia sotto forma di acqua calda sia di quella fredda.

PRODUZIONE DI ENERGIA

  • Elettricità da cedere alla rete
  • Vapore
  • Acqua calda per i fanghi nei digestori, in alcuni processi produttivi e per il riscaldamento invernale
  • Acqua fredda (7°C/12°C) per i condizionamenti e nel processo invernale

REFERENZE AB

Amadori – Eridania – Gruppo Cremonini – Inalca – Menz&Gasser