ENERGIA DA BIOMETANO: UNA NATURALE VOCAZIONE ECOSOSTENIBILE

Il biometano è una fonte di energia rinnovabile programmabile che si ottiene sottoponendo il biogas ad un processo di upgrading (pretrattamento, purificazione e separazione del metano dall’anidride carbonica) portando la concentrazione di metano CH4 a superare il 97%.
L’utilizzo del biometano ha ricadute positive sui comparti agro-alimentare, trattamento acque e FORSU, in un’ottica di energia circolare. Inoltre, è sostenibile: essendo CO2 neutro può contribuire a ridurre anche le emissioni in atmosfera.
Grazie all’upgrading è possibile convertire in biometano il biogas da digestione anaerobica derivato dal trattamento di sottoprodotti di origine biologica, scarti agricoli, reflui animali, FORSU, wwt e altre biomasse. La generazione di combustibile rinnovabile rappresenta una soluzione redditizia grazie alla possibilità di immetterlo nella rete o trasportarlo su gomma.

 

AB è partner del progetto BIOMASS HUB. “Biometano per una società sostenibile: sviluppo di un laboratorio italiano di circular economy dal biometano” è un progetto che mira alla promozione di un modello per la valorizzazione del rifiuto organico attraverso la produzione e gestione efficiente di energia elettrica, biometano e fertilizzanti in un’ottica di economia circolare e della chiusura del riciclo dei rifiuti (zero waste).
La sfida del presente progetto si inserisce, a pieno titolo, nelle politiche in tema di ECO-INDUSTRIA e di competitività del settore del trattamento dei rifiuti, attraverso la realizzazione di processi circolari e l’allestimento di impianti pilota per la generazione e gestione distribuita dell’energia. L’obiettivo è quello di creare un HUB integrato e polifunzionale per lo sviluppo dei settori WASTE-TREATMENT e GREEN ENERGY, coniugando la necessità di innovazione nella filiera waste-management attraverso la sinergia tra energie rinnovabili e green chemistry.
Il progetto prevede la creazione di una bioraffineria per la produzione integrata di biocombustibili, biometano, energia, fertilizzanti e biomateriali. Assicurerà forti ricadute sul piano economico, sociale ed ambientale attraverso lo sviluppo di tecnologie altamente innovative, interessando sia il territorio regionale che la policy locale e nazionale.
L’iniziativa rappresenta un concreto esempio di HUB Tecnologico Integrato, in cui soggetti pubblico-privati con know-how, expertise e tecnologie complementari tra loro collaborano per la creazione e lo sviluppo di impianti tecnologici e biotecnologici altamente evoluti e competitivi per la valorizzazione del biometano e degli scarti della sua produzione in un’ottica di economia circolare.

COME FUNZIONA BIOCH4NGE®

Certificati di immissione al consumo del biometano

Il processo di allacciamento alla rete Snam